Filosofia e spirito

Il Piacere di Scoprire desidera promuovere l’interesse e la meraviglia nei confronti della natura, insieme a una mentalità scientifica che ne permetta l’indagine. Noi crediamo che lo scopo della scienza sia quello di capire meglio (e maneggiare meglio) quello che c’è fuori dalla finestra, non quello che è scritto su un libro di testo. La scienza consiste certamente di un enorme corpus di fatti e nozioni, ma ciò che è più importante sono i metodi con cui tali conoscenze vengono acquisite e consolidate. Sono proprio questi metodi che desideriamo trasmettere.

Alla luce di questa nostra intenzione, ciò che ci proponiamo è di coinvolgere i bambini in attività che arricchiscano la loro comprensione del mondo nel modo più giocoso possibile. Organizziamo cicli di incontri in cui indaghiamo le cause, le conseguenze e il funzionamento di un particolare fenomeno naturale. L’elemento innovativo è che queste giornate non sono semplici lezioni un po’ interattive, in cui gli esperimenti sono uno stacco/un’integrazione alla spiegazione frontale: gli esperimenti sono gli incontri. Infatti, gli incontri sono unicamente costituiti da esperimenti e attività fisica correlate che facilitano la comprensione dei fenomeni in gioco.

Abbiamo fiducia nelle capacità dei bambini, e crediamo che, con le domande giuste e un minimo di instradamento, essi possano arrivare quasi da soli a comprendere i fenomeni che proponiamo, senza che nessuno salga in cattedra a spiegare. Quando proponiamo un ciclo di incontri abbiamo una scaletta sulla struttura delle giornate e sul come e cosa ci proponiamo di esplorare, ma l’intenzione è che a condurre siano i bimbi, che con le loro domande, osservazioni e proposte dirigano gli incontri verso dove a loro più interessa e affascina. Così non c’è fretta di raggiungere un risultato, ma ogni esperienza è un’occasione per scoprire qualcosa di nuovo.

Studiare una cosa scoperta da altri è un conto, ma scoprirla da soli è un altro! Un bambino che scopre qualcosa come culminazione di un percorso è un bambino che se la ricorderà per sempre, perché fa parte di lui.

“The art of teaching is the art of assisting discovery.” [Mark Van Doren]

  • Ti è stato di aiuto?
  •    No